Ballerine cielo e tracolline rosse: Zara e LolitaMilano -Ispirazione del mese-

1538789_10203350896001449_1644931986_n

Quelle ballerine che avevi adocchiato da un po’ di tempo alla fine le compri, in uno dei tuoi colori preferiti e con tanto di piccoli strass applicati, e le metti con quella tracollina rossa con bordi fucsia e la squillante scritta “bonjour!” che, se anche l’hai comprata da Zara, l’hai però presa nel negozio di Rue de Rivoli e acquista subito tutto un altro sapore. E poi il rosso e il celeste scopri che stanno bene assieme e che ti piacciono proprio! E allora inizi così un nuovo mese, con un pezzettino di cielo e uno di Parigi.

Chanel Parfum Bottle Clutch -Vorrei ma decisamente non posso!-

WTFSG-perfumeclutch-chanel

Un paio di settimana fa, camminando nel Quadrilatero, sono passata davanti alla boutique di Chanel e ho avuto un colpo di fulmine: una tracollina in plexiglass a forma di boccetta di profumo. Era lì, l’iconico flacone del N°5 e di Coco Noir, trasformato in una deliziosa clutch da portare a mano o a tracolla. Era amore, inutile negarlo! La Chanel Parfum Bottle Clutch ha fatto il suo smagliante debutto lo scorso maggio durante la sfilata della Cruise Collection a Singapore. Un amore il nostro, quello tra me e la clutch in versione nera, che però è durato quanto un battito di ciglia, tanto intenso quanto veloce e che si è del tutto spento dopo aver visto il prezzo: oltre 6000 euro. Decisamente troppo!

La Kelly Clutch di Hermés: al cuor non si comanda!

img_3723_327756188_north_883x

Ne ho viste un paio nella gallery delle Voguitas di Vogue Italia e me ne sono innnamorata…o meglio, il mio amore si è ufficialmente consolidato, posso dirlo! Non so se sia corrisposto, ma questa è tutt’altra storia. Sto parlando delle Kelly Clutch di Hermés, la versione ridotta (secondo me solo nelle dimensioni) di un classico della maison francese; e mi sono ritornate alla mente proprio perchè in queste giornate di sfilate sono state fotografate spesso sotto braccio, letteralmente, alle addette ai lavori. Piccola, compatta, sottile, ha la chiusura tipica della sorella più grande ma le dimensioni di una pochette, perfetta per il giorno o per la sera; è disponibile in più versioni, dalla classica in pelle a quella in alligatore, con gli hardware in differenti varianti, oro-argento-nero.
La mia preferita? Decisamente quella sopra! A parte tutto il look che secondo me è bellissimo, la Kelly Clutch in questa variante dark è bellissima!

img-1291-678229_0x440Hermes-ad

Mini Bags: piccole, deliziose, sofisticate -da avere??-

1

Sono piccole ma non sono esattamente delle pochette, taglie XXS nelle dimensioni ma, spesso, non nel prezzo, deliziose ma, ammettiamolo, fondamentalmente un pò inutili: sono le mini bags, le taglie super small delle borse più famose dei marchi.
L’ultima nata è la Mini Heroine di Alexander McQueen, disponibile da metà giungo a dicembre, fa parte della pre-collezione invernale e avrà tonalità adatte alla prossima stagione. Ma il modello dello stilista inglese è soltanto l’ultimo in ordine di tempo: le taglie small infatti stanno ormai facendo furore, merito delle ridotte dimensioni che le rendono graziose e accattivanti ma di certo non comode e pratiche. Questi modelli sono per donne non essenziali di più, che molto probabilmente non hanno bisogno nemmeno del classico pacchetto di fazzoletti o del cellulare e a cui piace avere una borsina a tracolla per puro sfizio, non per effettiva praticità. Resta comunque il fatto che sono molte le maison che hanno sfoggiato le loro Mini Bag, quasi sempre in versione tracolla: Chanel, Hermès con la Constance e la Kelly, Louis Vuitton con l’Alma, Dior con la Lady Dior, Céline con la Boston.

BIG-Louis-Vuitton-Iconic-Mini-Bags-on-the-Coolest-Girls-4lucyintheskywithfashionblog.blogspot

mini_bags02Prada_mini-bag_butterboom_2

Haut à Courroies di Hermès: ecco di cosa ho bisogno per partire -Vorrei ma decisamente non posso-

hermes_d_020 hermes_d_023

Sono in partenza, la valigia è praticamente pronta (mancano solo pochissime cose) e, strano ma vero, non mi ci dovrò seder sopra per chiuderla: nonostante l’impressione che la valigia si sia ristretta, pare ci sia stato tutto. Dov’è il problema? Che ieri, non so perchè nè come, sono finita a riguardare la sfilata p-e 2013 di Hermès e cosa mi sono saltate subito all’occhio?? Le nuove Haut à Courroies. Belle, anzi no bellissime, comode, ampie e spaziose, in tessuto e pelle, realizzate a mano, con geometrici giochi di colori e gli hardware dorati. La cosa che poi mi fa letteralmente impazzire? Gli angoli rivestiti in pelle!! Ecco, con un bagaglio a mano del genere viaggerei felice e ovunque, magari portandomi dietro meno cose per evitare di sformarlo (anche se avrei l’ansia di rovinarlo!!). Non ho neanche particolari richieste sul colore, qualsiasi va bene, mi “accontento”…forse eviterei quella in cocco viola scelta da Pharrell Williams mentre ho letteralmetne gli occhia a cuore per quella di una delle gemelle Olsen, una tonalità tra il blu e il grigio scurissimo. Ma, ripeto, qualsiasi modello va benissimo!

 

Pvc&Plexiglass: ironiche trasparenze -Tendenze 2013-

304610_457746834248829_1916403134

Niente più segreti! Tutto diventa trasparente, sotto gli occhi di tutti si mostra il piccolo mondo contenuto in una borsa, si indossano accessori in pvc che al seducente vedo-non-vedo sostituiscono il più divertente plexiglass, così chic da essere sfoggiato di giorno o di sera. Ironico e sbarazzino, un dettaglio così risolleva anche il look più sobrio e può essere declinato in più tonalità e modelli: la bag, a tracolla o sottobraccio, il bracciale, rigido o morbido, la scarpa, col dettaglio o totalmente trasparente, persino il trench. Personalmente ho un bracciale a catena morbida di quelli di Angela Caputi trasparente che non vede l’ora di essere sfoggiato!

76241_433086156752614_246881539_n304610_457746834248829_1916403134_nTransparent PVC SS 2013 trend (4)Transparent PVC SS 2013 trend (48)

Con una Le Pliage di Longchamp sotto braccio

Vi ho mai parlato della mio amore per le borse Le Pliage? Sono bellissime e firmate Longchamp, disponibili in molte varietà di colore e modello anche se la loro caratteristica fondamentale è la praticità: queste borse prendendo infatti spunto dall’antica arte degli origami, le bellissime creazioni in carta di origine giapponese, e si piegano su se stesse richiudendosi completamente così da occupare pochissimo spazio. Le Pliage, che è il nome generico della linea, comprende differenti modelli che si differenziano per dimensione e lunghezza dei manici: è infatti disponibile il modello più piccolo, un pò da sera, in cui contenere poche ed essenziali cose, quello grande con manico corto, e il medio disponibile con manici più o meno lungo. A questi poi si aggiungono vari modelli di bustine, tutte praticissime di forma rettangolare o trapezoidale, i due borsoni perfetti per il bagaglio a mano e alcune valige morbide.
La praticità di queste borse si traduce anche nell’utilizzo di un resistente nylon che permette di pulire tranquillamente la borsa con acqua e sapone neutro nel caso in cui si sporchi e di poterla utilizzare anche quando piove o nevica; i manici sono in pelle così come la pateletta marchiata con il logo e all’interno c’è una pratica taschina in cui trovare anche le istruzioni su come chiuderla e mantenerla in ottime condizioni. Un altro vantaggio? I colori: accanto a quelli classici, nero-blu-verdone-rosso, sono presenti le tonalità stagionali per esempio, questa primavera c’è un bellissimo blu oltremare, un incrocio tra il turchese scuro e il blu elettrico.
Al momento ne ho 4, 5 se considero il borsone che uso per i week end fuori porta o come bagaglio a mano: il classico, medio e piccolo, entrambi neri e due di un modello che al momento è stato ritirato, bellissimo ma senza zip, di forma rettangolare, beige e arancio Hermès. Anche se prevedo un nuovo acquisto non appena andrò a Parigi…pensavo al modello medio, magari color Sandy, un elegante rosa antico.
Le Pliage sono disponibili nel monomarca milanese di via della Spiga e in tutti i rivenditori e il loro costo varia a seconda del modello: dai 50 euro di quello piccolo ai 65euro di quello medio, 70 per quello coi manici più lunghi. Inoltre, se non avete un negozio o un rivenditore vicino, è possibile acquistare online il vostro modello personalizzandolo con sigle e bande colorate.

Céline docet: le mille versione della Trapeze Bag e della Boston Bag

Guardate bene queste due borse: sono due modelli della maison parigina Céline, due delle più famose e gettonate della casa di moda realizzate da Phoebe Philo e diventati ormai best-seller. Tutte le hanno, tutte le vogliono: comode, pratiche ma anche eleganti, in svariate misure e tonalità, spesso combinate tra loro; il segreto? L’essere “multiforme” quasi: sono infatti modelli che possono essere portati in differenti modi, a braccio o a tracolla, completamente aperte con due piccole “alucce” che spuntano ai lati, proprio come le propone la maison stessa, oppure chiuse, dall’allure un pò anni Cinquanta.
Ma perchè ve ne parlo? Perchè qualche giorno fa mi è capitato di leggere un articolo su The Business of Fashion in cui si notava come queste due borse non fossero solo ormai degli ever-green di Céline ma soprattutto modelli anche per altre innumerevoli maison che questa stagione hanno deciso di dare libero sfogo alla loro fantasia, reinterpretando così la Trapeze Bag e le differenti versioni della Boston Bag. Da Prada a Valentino, da Chloé a Lanvin a Victoria Beckham la forma trapezoidale con le due ali laterali piace, così ecco spuntare infinite varianti sul tema trasformando ancor di più i modelli di Phoebe Philo in vere e proprie icone!


Immagine da The Business of Fashion.

Week end di Pasqua: marinière, uova e grandi borse -Ispirazioni per il week end-

1

E’ la festa del cioccolato e quello griffato Armani accontenta tutti con la sua carta colorata, la sua forma a uovo e i tre gusti, al latte, fondente e bianco che mette d’accordo tutti i palati; uove preziose un pò come quelle create da Fabergè, il celebre gioielliere di origini russe che ora le ha trasformate in ciondoli tempestate di pietre. Una borsa grande per contenere tutto il necessario per le prime fughe di stagione, senza però dimenticarsi l’ombrello, magari grande a cupola perchè si sa, questa primavera tarda ad arrivare. E allora All Star pervinca, una nuova sciarpa anzi meglio un foulard come quelli di Malìparmi, colorati, leggeri fan subito primavera e poi li adoro! Una marinière da indossa con i jeans, gialli però, e delle orecchie in delicatissimo pizzo nero con tanto di veletta firmate Maison Michel.

 

Boy Chanel, i nuovi colori estivi: tra amore ed equitazione

Della Boy Chanel ne ho già parlato: dallo stile mascolino e androgino, questa tracolla trae ispirazione (e nome) dal grande amore di Coco Chanel e dall’influenza che Boy ha sempre avuto sullo stile di lei. E la campagna stampa della nuova collezione omaggia proprio quel momento della vita di Mademoiselle quando alloggiava nel castello di Etienne Balsan, ricco proprietario di purosangue da cui Coco subì il fascino del mondo dell’equitazione.
Volto della nuova campagna stampa, scattata come sempre da Karl Lagerfeld, è Alice Dellal, novella Chanel che cavalca un cavallo bianco affiancata da un moderno Balsan, indossando gonne e cardigan dal gusto classico e l’immancabile fiocco nero attorno al collo, tanto caro a Coco. A tracolla la Boy nei nuovi modelli e colori che per l’estate si discostano dai classici nero e bianco per lasciare spazio al blu, al giallo sole e al celeste.

Senzanome
1. Boy Chanel in Galuchat blu, 2.950€
2. Boy Chanel piccola in vernice bianca, 2.250€
3. Boy Chanel in Galuchat giallo sole, 2.950€
4. Boy Chanel in pelle bicolore, 2.500€
5. Boy Chanel grande in pelle, 3.200€
6. Boy Chanel in vernice celeste, 2.650€