Christian Dior: il make up -Sguardi che brillano-

Leggendo qua e là i commenti alla sfilata di Dior ci sono pareri a dir poco contrastanti: Suzy Menkes ha definito la sfilata come “this was one of the best regenerations of the spirit of a heritage brand seen on the runway since Karl Lagerfeld first reinterpreted Chanel almost 30 years ago” altri invece, con ancora negli occhi i fasti di Galliano, hanno trovato la prima sfilata di p-a-p di Raf Simmons assolutamente fuori contesto rispetto alla maison.
Personalmente ho amato molto la collezione, classica ed elegante ma ricca di spunti e di innovazioni, di tessuti croccanti quasi e dalle tonalità iridescenti, minimale ma non per questo noiosa e monocolore. Certo, è molto Raf Simmons, una sua personale interpretazione dello stile della maison; dice di essersi ispirato all’idea di femminilità e di eleganza del secondo dopo guerra e alla voglia di libertà degli anni Sessanta e Settanta e di averli mixati assieme.
Ma, collezione e location a parte, degno di enorme nota è anche il make-up delle modelle creato da Pat McGrath: ombretti super colorati su tutto l’occhio illuminati da strass a contrasto applicati uno a uno a mano. Rosso e verde mela, lillà con giallo e smeraldo, azzurro cielo e turchese oppure col fucsia, grigio polvere e lavanda. Unico.

One thought on “Christian Dior: il make up -Sguardi che brillano-

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...